Circolo tra amici

venerdì 29 marzo 2019, ore 16

Centro San Zeno, via San Zeno, n. 17 – Pisa

(entrata a destra del cancello del Liceo)

Incontro con Luca Giacomelli, operatore Shiatsu

Luca Giacomelli ha frequentato il Corso quadriennale presso l’Accademia italiana Shiatsu con sede a Firenze, e ha avuto modo di trattare persone con Parkinson.

In allegato: “Shiatsu e Parkinson” (Gruppo Volontariato Shiatsu Parkinson – Associazione Svizzera Shiatsu)

La parola Shiatsu significa letteralmente “pressioni con le dita”: shi=dito, atsu=pressione. Si tratta quindi di pressioni fatte prevalentemente con le dita, in particolare con il polpastrello del pollice.

Lo scopo dello Shiatsu – analogamente ad altri tipi di trattamenti di derivazione orientale – è quello di agire non solo sul corpo, ma anche sulla psiche, considerando l’essere umano nella sua globalità.

Nel Parkinson può contribuire a dare una migliore qualità della vita, diminuendo alcuni dei problemi dati dalla malattia, quali per esempio il dolore, le contrazioni muscolari, il tremore, la difficoltà nei movimenti e nel mantenere una postura corretta, l’insonnia e le tensioni muscolari, gli stati depressivi e il calo dell’umore.

Secondo lo studio di cui all’allegato, “Due, fondamentalmente sono i benefici che il corpo riceve da questi trattamenti: l’aumento delle endorfine (che fanno sentire meno dolore) e il rilassamento generale del corpo. Quest’ultimo beneficio è conseguente al graduale rilassamento muscolare che permette al soggetto di utilizzare le sue parti del corpo attraverso sia una adeguata postura che un corretto movimento del corpo stesso.”

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi