Dalla Toscana una bella notizia per i malati di Parkinson

Giugno 2019: la Giunta Regionale della Toscana è scesa in campo contro la irreperibilità ricorrente dei farmaci anti Parkinson, approvando una Delibera che dispone, tra le altre cose, che le Farmacie di Continuità (ospedaliere) siano sempre rifornite di tali medicinali in modo da far fronte a situazioni di emergenza, purtroppo spesso ricorrenti.

Già in occasione della recente carenza del Sinemet le farmacie ospedaliere toscane, grazie al tempestivo intervento delle autorità regionali, erano state in grado di fornire questo farmaco, essenziale per garantire la continuità terapeutica ai malati di Parkinson.

Altro elemento qualificante della Delibera è la costituzione di un gruppo di lavoro ristretto che farà da cabina di regia per il monitoraggio sul percorso terapeutico Parkinson e sulle criticità che possono verificarsi sul territorio.

Di questo gruppo di lavoro è stato chiamato a far parte il Referente Tecnico delle Associazioni Parkinson toscane Enzo Zini.

Anche in occasione di quest’ultima emergenza farmaci le Associazioni Parkinson della Toscana e il loro Referente Tecnico hanno svolto una preziosa funzione di sentinelle sul territorio e di segnalazione tempestiva dei bisogni dei malati. Trovando ascolto fattivo da parte delle autorità sanitarie regionali.

Dal sito dell’ANSA

http://www.ansa.it/toscana/notizie/saluteecittadini/2019/06/06/toscana-mai-piu-senza-farmaci-parkinson_452dc47d-98cf-48ed-b564-56056f4cba90.html

Toscana, mai più senza farmaci Parkinson – Delibera Giunta regionale fissa misure salvaguardia pazienti

FIRENZE, 6 giugno 2019 – In Toscana non accadrà mai più che si verifichino carenze o comunque discontinuità di approvvigionamento per i farmaci per il morbo di Parkinson.

E’ quanto si afferma dalla Regione che in seguito alla delibera approvata nel corso dell’ultima la cui Giunta, nell’ultima seduta, ha approvato su proposta dell’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, una delibera che fissa una serie di misure grazie alle quali i pazienti potranno sempre trovare i medicinali necessari, nella farmacia sotto casa, o in quelle ospedaliere.

Il provvedimento arriva in seguito a numerosi episodi di indisponibilità dei farmaci destinati alla terapia cronica dei pazienti affetti dalla malattia di Parkinson, che si sono verificati su tutto il territorio nazionale, e a seguito dei quali anche l’Aifa ha preso posizione di recente, autorizzando anche, in via eccezionale, l’importazione dei farmaci dall’estero.

Molteplici, si spiega dal settore politiche del farmaco della Regione, i motivi di queste carenze, tra cui il basso costo di questi medicinali in Italia, motivo per cui i grossisti li dirottano verso Paesi dove hanno un prezzo più remunerativo.

“Abbiamo deciso di attuare una serie di misure – ha detto Saccardi – per garantire la continuità terapeutica di questi trattamenti farmacologici essenziali e non altrimenti sostituibili.

La Regione Toscana è stata la prima a farsi carico e ad affrontare con soluzioni concrete questo problema che si è verificato su tutto il territorio nazionale”. In particolare Estar dovrà assicurare e garantire, in tutti i magazzini regionali farmaceutici e aziendali, adeguate scorte di ciascun principio attivo, che oltre alla gestione ordinaria consentano anche di coprire il fabbisogno nei casi di criticità o di emergenza dovuti alla temporanea carenza delle terapie farmacologiche essenziali.

Inoltre poiché la terapia spesso è basata sull’utilizzo di diversi farmaci, i medici potranno predisporre per i loro pazienti un programma terapeutico per ritirare in regime di erogazione diretta tutti i medicinali mensilmente, oppure anche solo quanto necessario a coprire periodi di scarsa reperibilità del farmaco nell’ambito territoriale. Il programma terapeutico avrà una validità di 6 mesi, ma sarà eventualmente rinnovabile per le terapie stabilizzate.

Viene inoltre costituito in Regione un gruppo regionale di coordinamento per il monitoraggio del percorso terapeutico della malattia di Parkinson, con la funzione di effettuare un’analisi dei comportamenti e delle criticità che si verificano sul territorio.

In Toscana il numero dei pazienti con Parkinson è di circa 20.000, più uomini che donne; negli ultimi anni si è progressivamente abbassata l’età di esordio della malattia, e ci sono pazienti anche di 40-50 anni. (ANSA).

https://www.toscanamedianews.it/farmaci-parkinson-in-toscana-mai-piu-carenze.htm

10 giugno 2019: Comunicato AIFA:

Sinemet®: aggiornamento sulla disponibilità del medicinale e provvedimenti AIFA

http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/sinemet®-aggiornamento-sulla-disponibilità-del-medicinale-e-provvedimenti-aifa

Per SINEMET 250mg + 25mg compresse, 100mg + 25mg compresse, 200mg + 50mg compresse a rilascio modificato, può ancora registrarsi una discontinuità della disponibilità nelle singole rivendite, legata all’elevata richiesta generata a seguito del precedente stato di carenza.

Relativamente alla confezione 100mg + 25 mg compresse a rilascio modificato, 50 compresse (AIC 023145042), il titolare MSD ha comunicato la carenza temporanea, dovuta a un ritardo nella fornitura da parte del produttore terzo, a partire dal 31/05/2019. Il titolare fa presente che pur non essendo, al momento, la confezione disponibile nei depositi MSD, la copertura del mercato è stimata fino al prossimo arrivo del prodotto.

In considerazione di tali rassicurazioni, si raccomanda un approccio consapevole all’acquisizione dei prodotti, evitando l’immotivata corsa all’approvvigionamento.

Laddove siano ancora riscontrati dei problemi di accesso al medicinale, AIFA autorizza eccezionalmente l’importazione di medicinali analoghi dall’estero alle strutture che ne facciano richiesta.

L’Ufficio Qualità dei Prodotti dell’Agenzia ([email protected]) resta a disposizione per fornire ogni chiarimento e supporto nell’attivazione della procedura di importazione.

Per qualsiasi altra informazione si invitano i pazienti, i professionisti sanitari e le associazioni a contattare il servizio FarmaciLine al numero 800 571661, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00

Si fa presente che, al fine di tutelare la salute pubblica, l’AIFA ha adottato una misura di blocco temporaneo delle esportazioni di tutte le confezioni del medicinale Sinemet®, al fine di garantire quantitativi di medicinali sufficienti a rispondere alle esigenze di cura sul territorio nazionale. In allegato la copia della Determinazione DG/810/2019 del 17/05/2019.

N.B.: Ricordiamo che i malati di Parkinson della Toscana possono ricorrere alle Farmacie Ospedaliere dove sono disponibili 900 confezioni di SINEMET 100mg+25 mg, fornite da ESTAR (Ente di Supporto Tecnico-Amministrativo della Regione), su disposizione del Dott. Roberto Banfi, Responsabile Settore Politiche del Farmaco e Dispositivi della Regione Toscana.

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi