Sono frequenti le segnalazioni di problematiche insorte nel corso di ricoveri ospedalieri di malati di Parkinson, soprattutto in relazione all’assunzione dei farmaci anti Parkinson i quali, come è ben noto (o dovrebbe essere ben noto!), richiedono un rigoroso rispetto dei tempi di somministrazione per evitare spiacevoli effetti collaterali (effetti di fine dose, fluttuazioni, discinesie).

 

Ci sono malati che fanno sette assunzioni al giorno con una tempistica ben studiata dal neurologo curante.

Purtroppo, a causa dell’organizzazione dei Reparti di ricovero, non è infrequente che la somministrazione di questi farmaci avvenga al di fuori dello schema previsto dal curante con conseguenze spesso pesanti per il malato.

In questi casi è particolarmente importante il contatto con il curante.

Non sono rari i casi in cui il malato è invitato a portarsi da casa questi farmaci perché il Reparto ne è sprovvisto.

Per dare voce a queste segnalazioni l’Associazione Pisa Parkinson ha deciso di intraprendere un’opera di sensibilizzazione, attraverso un contatto con i Responsabili delle  Strutture Ospedaliere dell’ASL Toscana Nord Ovest.

 

Per questo motivo l’Associazione Pisa Parkinson ha inviato una lettera ai Dirigenti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana (12 marzo 2021)

e della USL Toscana Nord Ovest (24 marzo 2021).

 

12 marzo 2021: Lettera ai Dirigenti all’AOUP

 

Al Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Al Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Al Direttore Amministrativo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Al Direttore dell’U.O. Relazioni con il pubblico

e p.c. Al Referente Tecnico Associazioni Parkinson della Toscana

In qualità di Presidente dell’Associazione Pisa Parkinson, sono a segnalare una problematica ricorrente che si è acuita con l’emergenza COVID.

La terapia farmacologica del paziente affetto da morbo di Parkinson ospedalizzato che è quasi sempre in una fase di malattia medio-grave.Tale tipologia di pazienti è spesso mantenuta in equilibrio terapeutico grazie a precisi orari di assunzione dei farmaci (anche sette somministrazioni al giorno associate ad una dieta calibrata per ottimizzare l’assunzione del principio attivo).

I problemi che emergono rispetto ad una corretta gestione del paziente sono:

  • carenza dei farmaci specifici.
  • mancata conoscenza da parte del personale di assistenza delle specifiche problematiche di tali pazienti che sono totalmente terapia dipendenti.
Per tali motivi è assolutamente indispensabile che nella cartella clinica venga acquisita, insieme all’informazione che trattasi di paziente affetto da Parkinson, una guida alla corretta terapia stilata dal neurologo di riferimento, oltre a dotarsi dei farmaci eventualmente carenti.
Cordiali saluti
Cosimo Grandone

 

26 marzo 2021: Risposta della Dott.ssa Silvia Brani, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

 
prot 15463 _Problemi ricorrenti dei Malati di Parkinson ospedalizzati _ riscontro Sua mail del 12.03 u.s

 

4 aprile 2022 sul sito dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Brochure Informativa:
GESTIONE DEL PAZIENTE PARKINSONIANO DURANTE L’OSPEDALIZZAZIONE E IN CASO DI EVENTUALE INTERVENTO CHIRURGICO

 

https://www.ao-pisa.toscana.it/index.php?option=com_attachments&task=download&id=12718
 
 
 
24 marzo 2021: Lettera ai Responsabili ASL Toscana Nord Ovest

 

AL DIRETTORE GENERALE USL Nord Ovest Toscana

AL DIRETTORE SANITARIO USL Nord Ovest Toscana

e p.c. Al REFERENTE TECNICO delle ASSOCIAZIONI PARKINSON della TOSCANA Enzo Zini

In qualità di Presidente dell’Associazione Pisa Parkinson, sono a segnalare una problematica ricorrente che si è acuita con l’emergenza Covid. La terapia farmacologica del paziente affetto da morbo di Parkinson ospedalizzato che è quasi sempre in una fase di malattia medio-grave.

Tale tipologia di pazienti è spesso mantenuta in equilibrio terapeutico grazie a precisi orari di assunzione dei farmaci (anche sette somministrazioni al giorno associate ad una dieta calibrata per ottimizzare l’assunzione del principio attivo).

I problemi che emergono rispetto ad una corretta gestione del paziente sono:

  • carenza dei farmaci specifici.
  • mancata conoscenza da parte del personale di assistenza delle specifiche problematiche di tali pazienti che sono totalmente terapia dipendenti.

Per tali motivi è assolutamente indispensabile che nella cartella clinica venga acquisita, insieme all’informazione che trattasi di paziente affetto da Parkinson, una guida alla corretta terapia stilata dal neurologo di riferimento, oltre a dotarsi dei farmaci eventualmente carenti.

Prego le S.V. di inoltrare cortesemente questa mail ai Direttori Sanitari degli Ospedali dell’USL Toscana Nord Ovest.

Cordiali saluti.

Cosimo Grandone

 

5 giugno 2021

Documento inviato dal Dott. Renato Galli, Direttore Area  Patologie Cerebro Cardio Vascolari, Direttore U.O.C. Neurologia, Referente Area Organizzativa Medica P.O. Pontedera, Dipartimento delle Specialità Mediche Azienda USL Toscana Nord Ovest, P.O. “F. Lotti” Pontedera

 

Linee di Comportamento del paziente con Malattia di Parkinson ricoverato_ASL Toscana Nord Ovest

 

 

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi