Dalla pagina Facebook Sandro sfida il Parkinson

https://www.facebook.com/Sandro-sfida-il-Parkinson-1988655294774998/

8 luglio 2019

E grazie a voi, Fratelli Parky, che mi avete sostenuto, incoraggiato, spinto in tutti i modi a compiere questa impresa. Siamo una grande famiglia ormai grazie!!!

Il ritorno – Pisa – 6 luglio 2019

Dopo aver percorso 3635 km in 7 giorni ed aver attraversato 8 diversi paesi, sono rientrato nella mia amata Pisa.

Ho scelto tre foto relative a tre momenti del viaggio che ritengo significativi e che sintetizzano quei valori e quei sentimenti che in questa settimana hanno costituito linfa vitale, carburante inesauribile per la mia piccola impresa:

l’arrivo sul Trasfagarasan: la caparbietà, la speranza e l’entusiasmo che ci permettono di ottenere risultati a cose normali insperati;

l’abbraccio con Oliver: l’amicizia, quella che non mi ha mai fatto sentire solo e che mi sostiene ogni giorno, grazie al supporto, anche morale, di migliaia di persone che non smetterò mai di ringraziare;

lo sguardo verso l’infinito: le future sfide e gli ostacoli che la strada mi porrà dinanzi e che ormai sono pronto ad affrontare a “gas spalancato”, senza paura.

Grazie a tutti amici miei, con il vostro affetto ho sfidato e continuerò a combattere il “mostro” con il sorriso e l’irriverenza con cui Rocky Balboa, in difficoltà, sbeffeggiava Clubber Lang:

“Non fa male! Non fa male! Mia madre me le dava più forte!”

Buonanotte a tutti….grazie ancora di cuore…

Sandro

5 luglio 2019 – “Il Parkinson???? E’ ricoverato in Slovenia perché non ce la faceva più a starci dietro!!!!!”

5 luglio 2019“Il Parkinson????E’ ricoverato in Slovenia perché non riusciva a starci dietro!!!!!”

Geplaatst door Sandro sfida il Parkinson op Vrijdag 5 juli 2019

 

2 luglio 2019 – Zajecar (SRB) – Trasfagarasan (RO) 361 km

“In tre giorni sono arrivato sulla Trasfagarasan, sono il numero 1!”

Questo è quello che con gioia ho ripetuto più volte dentro al casco, non appena ho iniziato a scorgere quello zigzagare di asfalto impresso nel verde; quella strada che fino a domenica scorsa era solo l’oggetto di una fotografia sul comodino, il tesoro disegnato in una mappa dei pirati: il Trasfagarasan.

A bocca aperta ho ammirato le sue bellezze, il senso di libertà e di benessere che mi ha regalato.

“Che meraviglia”.

Non avevo altre espressioni per descrivere quello spettacolo che ho sempre sognato di vedere e di percorrere.

Non avevo altre esclamazioni per celebrare la bellezza della vita che da quel belvedere ho colto in tutto il suo splendore.

E’ da lì che ho rivisto i volti di chi mi ha sostenuto in questa avventura; i nomi di coloro che, pur non conoscendomi, non hanno esitato ad incitarmi con un post su Facebook o tramite Messenger.

E’ da lì che ho abbracciato virtualmente i miei familiari, i miei amici e tutti coloro che lottano quotidianamente con il “mostro” come me.

E’ lì che ho ringraziato il mio grande compagno di viaggio Oliver che mi ha sostenuto e fatto compagnia per gran parte del percorso: sei stato fondamentale, un fratello.

E lì che ho capito che lottando con determinazione si può arrivare all’inarrivabile.

E’ lì che mi sono sentito forte come quell’orso che mi ha accolto all’inizio della salita.

E’ da lì che ho visto il “mostro” esausto a fondovalle, incapace di tenermi testa sulla volata finale.

Nulla è impossibile. Ora ne ho le prove.

Ma era solo la prima di una lunga serie di imprese…solo la prima.

A presto, Amici…

GRAZIE DI CUORE e FORZA PISA!

Sandro

http://www.pisatoday.it/cronaca/sandro-paffi-moto-pisa-bucarest.html?fbclid=I

Sandro Paffi in moto da Pisa a Bucarest

“Per me non sarebbe una novità perchè in moto ho percorso le strade di mezza Europa: di diverso c’è solo la malattia. La Tranfagaran era un sogno, il viaggio immaginato e progettato tante volte.

“E alla fine mi sono deciso a farlo” sorride questo colosso di quasi due metri, la cui vita è cambiata due volte: la prima nel 2014, quando ha scoperto di avere il Parkinson. La seconda, pochi mesi dopo, quando è entrato per la prima volta nella palestra della Scuola di Arti Marziali Fragale.  “Sono infinitamente grato a Roberto Fragale e ai maestri che mi seguono perché, davvero, la palestra, che frequento quattro volte a settimana, mi sta aiutando tantissimo ad affrontare la malattia, ho scelto il contatto pieno fin dall’inizio e non certo per sfida o per dimostrare chissà cosa: il fatto è che per noi malati di Parkinson è fondamentale allenare i riflessi e se so che qualcuno può colpirmi davvero, è sicuro che sul ring sarò molto più vigile”.

https://www.facebook.com/Sandro-sfida-il-Parkinson-1988655294774998/

30 giugno 2019 – Pisa – Zagabria – 680 km

Chi ben comincia è a metà dell’opera.

Ero convinto di andare alla grande, mi ero preparato.

Ma in questa afosa domenica di fine giugno, percorrere tutta d’un fiato la tratta Pisa – Zagabria (quasi 700 km!) mi ha reso consapevole del fatto che sono partito, sto affrontando il percorso al meglio e ce la posso fare in qualunque condizione.

Sulla visiera del casco vedevo scorrere tutti i vostri messaggi di ieri: mi sembrava di avere tre marce in più ed un serbatoio infinito!!

E la moto? Mi guardava e rideva! Mai vista così contenta.

Ci siamo quasi compiaciuti nell’attraversare il confine italo-sloveno dopo Trieste (fresco il ricordo del trionfo del GRANDE PISA!), ma era solo l’inizio: Postumia, Lubiana, Novo Mesto, Krsko e poi Croazia, dopo il secondo confine di giornata a Obrezje: e ora la capitale croata Zagabria!

Il verde della Slovenia ha spezzato la monotonia dei tanti chilometri di autostrada.

La Cattedrale di Zagabria ora splende meravigliosa dinanzi a me con un sole che sembra sorridermi: sono STRAFELICE!

E pronto alla nuova tappa: quale?? Lo saprete domani….

Vi abbraccio tutti!!! Forza Pisa!

Sandro

https://www.facebook.com/Sandro-sfida-il-Parkinson-1988655294774998/

Pisa, 29 giugno 2019 – Ci siamo.

Sembrava lontanissimo ed invece è lì, davanti a me, distante solo poche ore che non saranno di sonno ma di trepidante veglia.

Eh sì cari amici, siamo arrivati al giorno tanto sognato e pensato, attraverso un percorso lungo di duro allenamento, ma anche di incredibile euforia regalata dall’affetto di tutti voi che, in un modo o in un altro, mi avete fatto sentire importante, coccolato, invincibile.

Saranno i vostri sguardi, i vostri abbracci e i vostri messaggi di incitamento a portarmi lassù, verso quell’agognato Passo, quasi a toccare il cielo della Romania con le dita.

Sarete il mio carburante e domattina non partirò solo, ma con tutti voi al seguito, vecchi e nuovi amici: sarete il sostegno nelle avversità, l’entusiasmo che mi farà tagliare il traguardo.

Ci siamo.

Guardo dalla finestra e lo vedo davanti a me.

Con quelle curve panoramiche che sembrano montagne russe.

Sono pronto alla sfida.

La campana sta per suonare: sono al centro del ring carico e voi dietro le corde a fare il tifo per me.

Seguitemi, round dopo round, perché sarete voi ad aiutarmi a mandarlo K.O.

Sandro

https://www.facebook.com/Sandro-sfida-il-Parkinson-1988655294774998/

27 giugno – Un’amica scrive a Sandro

LA CURA DEL #PARKINSON RIPARTE DA PISA IL 30 GIUGNO 2019!

In attesa di studi che possano generare cure adeguate o ancora, come prevenire o ritardare gli effetti del Parkinson, la cura che “nessuno può toglierci” è la #solidarietà.

Dalla solidarietà nascono reazioni e azioni che permettono di affrontare se non contrastare il Parkinson.

Il 30 giugno 2019 è una data emblematica perché rappresenta la partenza di Sandro che, sfidando la malattia dopo una preparazione densa di forza di volontà, voglia di vivere e tanta, tanta immensa solidarietà, in sella al suo amore raggiunge e affronta la Transfagarasan.

Un viaggio che è già un film, è già una storia di vita che porta con sé un percorso di cinque anni che, come la magica e ardita strada di Ciausescu, si è snodato su curve che hanno assunto un nome: diagnosi, paura, disagio, lavoro, solitudine, ostacoli, medici, cure, ignoranza, difficoltà ma anche passione, amicizia, positività, energia, sport, aiuto e amore.

Non ci resta che attendere il ritorno di Sandro per vivere con lui le emozioni, le sensazioni, sapere come corpo, mente e cuore hanno affrontato le curve della vita.

E come tutto questo possa trasformarsi nella cura per molti, grazie ad una solidarietà sempre più diffusa.

In attesa che la scienza faccia la sua parte.

https://it.gofundme.com/pisatrafasgarasan-malato-di-parkinson

Mi chiamo Sandro, sono di Pisa, ho 58 anni. E vado in giro con il “clandestino”. Parliamo di un clandestino invadente, che infastidisce e crea problemi 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno. E che, ad oggi, non possiamo far scendere giù dalla moto.

Il clandestino è entrato nella mia vita 4 anni fa. L’ho conosciuto in ospedale, si chiama Parkinson.

Lo prendo a sberle e pugni tutti i giorni e non è un modo di dire. Faccio lo sport che adoro, la boxe e affronto il clandestino a muso duro. L’allenamento fa bene. Mi sento abbastanza in forma. Ho fatto tante cose per me stesso, adesso voglio aiutare gli altri. Voglio dimostrare a tutte le persone con il Parkinson che si può avere una buona qualità di vita nonostante la malattia.

Il Parkinson mi è stato diagnosticato quattro anni fa. Avevo un lavoro in una stamperia, curavo l’ufficio commerciale. L’impatto con la malattia è stato difficile e alla fine mi hanno licenziato. Sono stato cassintegrato e adesso che anche la cassintegrazione è finita sono ufficialmente disoccupato.

Poi mi sono detto: il viaggio della vita, quello che non hai mai tempo di fare, lo faccio. Lo faccio quest’anno, 2019. Ci provo. Da solo. Anzi no, io e il clandestino che mi porto addosso.

Andrò in Transilvania, percorrerò la Transfagarasan in Romania, uno dei percorsi asfaltati più affascinanti al mondo. Apre soltanto 4 mesi l’anno, quelli estivi. Farò circa 4.500 chilometri.

Visto che il Parkinson è conosciuta come malattia delle persone “anziane”, il viaggio lo farò con una moto “anziana”, la mia Honda Transalp 650 del 2001. Ad armi pari. E anche se in moto ho fatto altri viaggi lunghi, quello che sto per affrontare somiglia proprio a un’impresa.

Sarò seguito a distanza dai miei istruttori di palestra e dall’Associazione Parkinson di Pisa.

Mi date una mano a vincere questa sfida?

 

Il viaggio in moto di Sandro Paffi, 58enne malato di Parkinson, da Pisa alla Tranfagarasan in Romania

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi